Orridi di Uriezzo

Andèm a spass! - 24-12-20

Edited by Baldessio

Ciao avventurieri!
Oggi ci caliamo nella realtà degli Orridi di Uriezzo, ovvero il vecchio percorso scavato dal fiume Toce in tempi remoti e percorribile ora da noi intraprendenti 😊
Con il termine "orrido" infatti si intende un particolare tratto di un fiume in cui le acque si gettano in anfratti o grotte, dando vita a spettacolari percorsi e cascate. 
Questi che andremo ad esplorare sono ormai liberi dal corso dell'acqua e quindi perfettamente visitabili in tutta sicurezza. 
Si tratta perciò di una visita molto affascinante e alla portata di tutti.

Accesso stradale
Si percorre l'autostrada A26 in direzione Gravellona Toce. Si sorpassa Domodossola e si seguono le indicazioni per Baceno, Val Formazza, cascata del Toce. 
Si arriva fino a Baceno, dove si parcheggia nei pressi della chiesa di San Gaudenzio. 

Percorso
Il percorso in sé è pianeggiante e molto semplice: dal parcheggio della chiesa si seguono le indicazioni per gli orridi e, nel giro di breve tempo, ci troveremo al loro ingresso; gli orridi sono tre ed il più bello di tutti rimane quello sud. 
Camminare all'interno di queste mura di roccia è uno spettacolo ed è un fantastico esercizio di fantasia immaginarsi le acque del fiume che, in tempi remote, le modellavano. 
Sempre nei pressi degli orridi una tappa va fatta alle "Marmitte dei Giganti", delle "vasche" di roccia naturali formatesi ai tempi delle glaciazioni. 
Che dire se non WOW!! 
Il rientro alla macchina si fa per il medesimo percorso. 

The end! 

A seguire qualche info:
- Non è necessaria un'attrezzatura particolare, però tenete conto della forte umidità; portate qualcosa per coprirvi anche se la giornata è molto calda;
- consigliati scarponcini da trekking o comunque scarpe con suola aderente.
Consigliabile visita agli orridi da tarda primavera a inizio autunno compresi.

Ciao e alla prossima avventura! 😎
Baldessio 

Gallery